Home Ultime Uscite “Malattia” di Blutarsky: Quando il Rap si Trasforma in Poesia dell’Anima

“Malattia” di Blutarsky: Quando il Rap si Trasforma in Poesia dell’Anima

by Angelo Fasolo
0 comment

Sulla via della resilienza: Blutarsky e il suo nuovo singolo “Malattia” come poesia dell’anima nel rap contemporaneo

Blutarsky, il talentuoso rapper romano, ha recentemente rilasciato il singolo “Malattia”, un’opera che va oltre gli stereotipi del genere rap per toccare le corde più profonde dell’anima umana. Attraverso questo brano, Blutarsky affronta con coraggio e sensibilità la dolorosa esperienza della perdita di un genitore, trasformando il proprio dolore personale in un messaggio universale di resilienza e speranza.

Il testo di “Malattia”, scritto dallo stesso Blutarsky, è un’immersione profonda nell’animo dell’artista, esplorando con poesia e riflessione l’inesorabile vuoto lasciato dalla perdita di un genitore. Le liriche evocative, come «Volo su un aereo sopra queste nuvole, sembra proprio il punto di vista che ora guardi te», creano un legame celeste con il padre, trasmettendo la connessione oltre la barriera della morte. Il brano rappresenta un tributo commovente all’affetto e al legame eterno tra padre e figlio, sottolineando come l’amore parentale continui a permeare la vita, anche dopo la scomparsa fisica.

Attraverso versi come «Dimmi come cercarti in quei giorni neri e nefasti» e «Ora che Robin dev’essere Batman», Blutarsky esprime il bisogno umano di conforto e sostegno in un mondo privato prematuramente della presenza paterna. Il riferimento ai supereroi diventa una metafora della transizione da figlio a uomo, evidenziando la necessità di assumersi nuove responsabilità e affrontare la vita senza la guida paterna.

Il cuore pulsante del brano si manifesta nel grido interiore «La mia malattia è non averti più qui», sottolineando che la “Malattia” di Blutarsky non è una condizione fisica, ma un dolore dell’anima, un vuoto costante e persistente. Questa espressione rappresenta la cruda realtà del lutto, evidenziando come la sofferenza possa trasformarsi in una presenza palpabile, un compagno silenzioso che accompagna ogni giorno.

Il singolo culmina con una registrazione vocale toccante del padre di Blutarsky, aggiungendo un tocco di autenticità e intimità alla traccia. In “Malattia”, Blutarsky si apre al pubblico, condividendo la sua esperienza personale e dimostrando che il rap può essere un veicolo potente per esprimere emozioni complesse. Il brano non solo onora la memoria del padre di Blutarsky, ma eleva il rap a una forma d’arte in grado di narrare le profondità più intime dell’animo umano.

“Malattia” non è solo un inno alla memoria, ma anche un messaggio di speranza e coraggio. Invita gli ascoltatori a trasformare il dolore in un percorso di crescita personale, attraverso il quale si può trovare comprensione e accettazione. La canzone ricorda che, anche nei momenti più bui, la musica può fungere da ancora di salvezza, memoria e consolazione, dimostrando che il rap può essere una forma d’arte che parla direttamente al cuore. Con “Malattia”, Blutarsky ha creato un capolavoro che va oltre il semplice intrattenimento, toccando la vita di chiunque abbia vissuto la profonda esperienza della perdita.

You may also like

For Music Magazine Laterale

©Copyright 2023. All Rights Reserved For Music Magazine – by Gossip News Italia, info@formusicmagazine.it